test
agosto: 2011
L M M G V S D
« Lug   Set »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Una rete tesa fra McLuhan e Google

24 Ago Una rete tesa fra McLuhan e Google

Dopo un po’ di sbattimento…rieccoci qua. Nel post precedente vi avevo raccontato del “piccolissimo” problema frappostosi fra La Diga delle Tre Gole e Google. Un problemuccio da nulla se non fosse che la spina che attaccava questa sottospecie di taccuino virtuale alla rete era staccata, unilateralmente dai tecnici di Mountain View.

Dopo un po’ di lavoro e meno di 10 euro di spesa la situazione pare tendere alla normalità. Era il principio però che mi indisponeva, in quanto principio di assoluta non libertà di comunicazione e trasmissione del messaggio.

E dato che, come il vecchio Marshall ricorda sempre, il mezzo che scegliamo per comunicare finisce spesso con il trasformarsi nella comunicazione che inoltriamo (che senso avrebbe avere un blog se nessuno potesse commentare e/o fruire dei suoi contenuti sul web?), la cosa mi ha preoccupato molto.

Ora il problema che si poneva era di natura derivativa. Rimane però il fatto che se oggi quasi il 90% delle SERP sono raggiunte da Google e non da altri motori di ricerca, esserne tagliati fuori significa stare alla finestra. Il che può anche andarmi bene, ma solo se sul davanzale mi ci sono messo da solo, non certo il carpentiere o il vetraio che me l’ha costruita!

E dato che a quanto pare in questo post si parla di McLuhan (1911-1980), mi viene alla mente una cosa che mi è capitata di leggere citata da un’altra grande mente del pensiero comunicativo del secolo appena trascorso, Susan Sontag, che riportando proprio Mcluhan scrive:

I media si sono sostituiti al mondo di prima. Anche se volessimo recuperare questo mondo di prima, potremmo farlo soltanto con uno studio intenso di come i media lo hanno inghiottito”.

Spero solo che la vicenda legata al mio povero dominio co.cc non spieghi in maniera lampante come la chimera di un’informazione libera e di una comunicazione a portata di tutti finisca ineluttabilmente ingoiata da quello che, per contro, avrebbe dovuto sostenerla ed alimentarla: la rete.

 

No Comments

Post A Comment

*