Ultimi articoli
aprile: 2010
L M M G V S D
« Feb   Mag »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

WISHBONE ASH live @ NAIMA CLUB, Forlì, 9/4/2010

11 Apr WISHBONE ASH live @ NAIMA CLUB, Forlì, 9/4/2010

Wishbone Ash live at Naima Club 2009Quando vedi cose lontane fra loro stare bene assieme sei portato a stupirti. Due generazioni nello stesso club, quella dei padri e quella dei figli, in totale delirio per i 40 anni dei Wishbone Ash. E ovviamente non è un caso che il luogo in cui questi incontri sono all’ordine del giorno sia il Naima Club di Forlì, un locale in cui da un lato della sala puoi trovare un affresco gigantesco della via Emilia e delle sue icone rock, mentre dall’altra parte della sala c’è la Route 66, il Mississipi e John Lee Hooker.

Il concerto è di quelli da ascoltare seduti, anche se in più di un’occasione c’è da tenersi stretti alla sedia, impegnandosi per non cadere giù: i Wishbone Ash suonano per la maggior parte brani estratti dal loro indiscusso capolavoro “Argus” (1973), dall’omonimo Wishbone Ash (1971) e da Pilgrimage (1973), la pulizia del suono nelle dita di Andy Powell – unico membro originale di una band che ha attraversato nel tempo innumerevoli controversie e problemi di line up – è entusiasmante, così come le linee melodiche della sua Flying V, davvero grandi.

I Wishbone Ash furono tra i primissimi ad inserire 2 lead guitar all’interno di una band e sono celebri per i loro arrangiamenti armonici, a cavallo fra il progressive inglese e atmosfere southern alla Allman Brothers Band che nel corso degli anni a venire avrebbero influenzato pesantemente il suono della decade successiva e delle relative band, su tutte quella di Kirk Hammett e James Hatfield.

Blowin Free, The King will Come, e la suprema suite di 15 minuti Phoenix. C’è anche spazio per un brano nuovo Reason to Believe, nuovo singolo che la band ha inciso in occasione dei 40 anni dalla sua fondazione. Il suono non è certo quello di allora ed il groove non è quello rispetto agli esordi dei compianti 70’s. Quello però che rende ancora grande la musica dei Wishbone Ash è il fatto di riuscire ancora a trasmettere emozioni, la passione con cui il suono e la melodia vengono eretti, il sentimento, l’attitudine.

No Comments

Post A Comment

*