Enri il guerriero dell’hammond

10 Ott Enri il guerriero dell’hammond

LONGIANO – E’ reduce da una tournèe travolgente di oltre 2 settimane in Argentina e Chile in compagnia di musicisti del calibro di Mike Patton, Scott Amendola e William Winant, ed ha pubblicato proprio in questi giorni il suo secondo disco solista intitolato “Nine Melodies from my Forest”. Non stiamo parlando di una star del music business – se mai questa formula abbia ancora una qualche forma di attinenza con il nostro periodo storico – ma di una sorta di artigiano della musica, nato, cresciuto e residente a Longiano. Enrico “ENRi” Zavalloni. enri zavalloni w/ mike patton MONDO CANELa sua collaborazione con la big band “Mondo Cane” di Mike Patton – leader storico dei Faith No More, band di culto del rock a stelle e strisce degli anni ’90 – è una realtà da oltre 2 anni e dopo apparizioni in studio a fianco di alcuni dei migliori musicisti del panorama internazionale, il pianista longianese è stato scelto per accompagnare anche dal vivo Patton nelle sue tournèe in giro per il mondo, con esibizioni live che di volta in volta hanno coinvolto decine di migliaia di spettatori.

“E’ stata un’esperienza straordinaria – racconta Enrico – grazie a cui ho imparato tanto musicalmente, assieme a musicisti grandissimi ma nonostante tutto “tranquilli”, assolutamente non autocelebrativi e snob”.

Una grande esperienza ed emozioni altrettanto adrenaliniche che ENRi sembra essere pronto a condividere anche grazie alla pubblicazione del suo secondo disco solista, il primo integralmente arrangiato, autoprodotto e pubblicato in casa Atomic Studio, vera e propria officina musicale con sede a Balignano, sulle colline longianesi. Il disco sarà disponibile su ITunes e le principali piattaforme di distribuzione online.

Uscito ufficialmente lo scorso 30 settembre, “Nine Melodies from my Forest”  sarà presentato dal vivo il prossimo sabato 10 dicembre, nell’elegante cornice del Teatro Petrella di Longiano, che già freme per accogliere il ritorno a casa di un grande “guerriero dell’hammond”.

 

No Comments

Post A Comment

*