Ultimi articoli
maggio: 2011
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

I 200 parametri di Google per ottimizzare il proprio SEO

16 Mag I 200 parametri di Google per ottimizzare il proprio SEO

i 200 parametri che regolano l'algoritmo di googleNessuno conosce l’algoritmo di Google ma in molti – ed in progressivo aumento – stanno cercando di capire quali sono le regole che orientano l’azione e l’attività di lettura e harvesting di Googlebot, il crawler di Google. Alla disperata ricerca della legge che regola il rapporto fra query e SERP su Google.
Di seguito una lista degli indicatori che un team accreditato di SEO ha stilato per tracciare una sorta dilinea di demarcazione che separa una buona da una cattiva azione di ottimizzazione per i motori di ricerca.

Per altro sembra anche abbastanza ben fatta. Quale ingrediente conti più degli altri poi, dovremmo cercarlo di scoprirlo da soli 😉

    DOMINIO – 13 Parametri:

  • Età del Dominio;
  • Durata di registrazione del Dominio;
  • Informazioni di registrazione nascoste (anonimo);
  • Sito con dominio di primo livello (concentrazione geografica, ad esempio .com contro co.uk);
  • dominio di livello superiore (ad esempio .com contro .info)
  • sotto dominio (terzo livello) o dominio principale?
  • quante volte il dominio ha cambiato IP in passato?
  • Proprietari del dominio in passato
  • Paroli chiave nel dominio
  • IP del Dominio
  • Vicini di Dominio IP
  • Domini esterni citati (non linkati)
  • Geo-targeting impostazioni in Google Webmaster Tools
    SERVER-SIDE – 2 Parametri:

  • Ubicazione geografica del server;
  • Affidabilità Server
    ARCHITETTURA – 8 Parametri:

  • Struttura URL;
  • Struttura HTML;
  • Struttura Semantica;
  • Uso di CSS esterni e file JS;
  • Accessibilità del sito web (l’uso della navigazione inaccessibili, JavaScript, etc);
  • Uso di Canonical URL;
  • Codice HTML Validato;
  • Utilizzo dei cookies;
    CONTENUTI – 14 Parametri:

  • Contenuti nella lingua scelta;
  • Unicità dei contenuti;
  • Quantità di contenuti (Testo – HTML);
  • Densità di testo non linkato;
  • Puro testo contenuto (senza link, immagini, codice, ecc..);
  • Attualità dei contenuti / tempestività;
  • Informazioni semantiche
  • Contenuti segnalati per la categoria generale (transactional, informational, navigational);
  • Nicchia di mercato dei contenuti;
  • Parole chiave utilizzate;
  • Testo in immagini;
  • Contenuti dannosi (probabilmente aggiunti da hacker);
  • Contenuti scritti in modo errato e senza la corretta punteggiatura;
  • Uso di nuove frasi;
    CROSS LINKING INTERNO – 5 Parametri:

  • % di link interni nella pagina;
  • % di link interni con identico anchor text;
  • % di link interni proveniente dal contenuto (invece che dal menù di navigazione, sidebar, footer, ecc..);
  • % di link con l’attributo “nofollow”;
  • Densità di link interni;
    FATTORI DEL SITO WEB – 7 Parametri:

  • Contenuto del file Robots.txt;
  • Frequenza di aggiornamento complessiva del sito;
  • Dimensione complessiva del sito (numero di pagine);
  • Età del sito (da quando è stato indicizzato da Google);
  • XML Sitemap;
  • Fiducia del sito web (contatti : info, politica sulla privacy TOS e simili);
  • Tipologia di sito web (ad esempio se blog o sito informativo);
    FATTORI SPECIFICI DELLE PAGINE – 9 Parametri:

  • Meta Tag Robots;
  • Età della Pagina;
  • “Freschezza” della Pagina e % di modifiche effettuate;
  • Duplicazione dei contenuti nelle pagine interne del sito;
  • Livello di lettura dei contenuti;
  • Tempo di caricamento della Pagina
  • Tipo di pagina (“Chi Siamo” contro il contenuto della Home Page);
  • Popolarità Pagina interna(numero di link interni verso quella pagina);
  • Popolarità della Pagina esterna (numero di link provenienti da altri siti verso a quella pagina);
    UTILIZZO DELLE PAROLE CHIAVE E LORO EVIDENZA – 13 Parametri:

  • Parole chiave nel titolo della pagina;
  • Parole chiave all’inizio del titolo della pagina;
  • Parole chiave nel tag “ALT”;
  • Parole chiave nell’ anchor text dei link interni;
  • Parole chiave nell’ anchor text dei link in uscita;
  • Parole chiave in grassetto o corsivo;
  • Parole chiave all’inizio del corpo del Testo;
  • Parole chiave nel corpo del testo;
  • Sinonimi chiave relativi al tema del sito;
  • Parole chiave nel nome dei file;
  • Parole chiave nell’URL
  • NO “Randomess” (inserimento parola chiave in dominio, nel nome del file, prima parola del titolo, prima parola della prima riga della descrizione, e parole chiave Tag..);
  • Uso ( abuso) di Parole chiave nei tag di commento del codice HTML;
    LINK IN USCITA – 8 Parametri:

  • Numero di link in uscita (per dominio);
  • Numero di link in uscita (per pagina);
  • Qualità delle pagine del sito linkato;
  • Qualità del sito linkato;
  • Link a siti “cattivi”;
  • Pertinenza dei link in uscita
  • Link a pagine di errore (errore pagina inesistente 404 e altri)
  • Link alle Agenzie SEO da parte dei clienti del sito;
  • Link con immagini;
    BACKLINK – 21 Parametri:

  • Pertinenza dei siti che linkano;
  • Pertinenza delle pagine che linkano;
  • Qualità dei siti che linkano;
  • Qualità delle pagine collegate;
  • Backlink all’interno di un network di siti;
  • Diversità di link profilo:
  • – diversità anchor Text;
  • – diversi indirizzi IP di collegamento tra siti;
  • – diversità geografica;
  • – diversa TLD;
  • – diversa attualità;
  • – diversi tipi di link (logs, directory, ecc..);
  • – diversa posizione di link;
  • Link da siti autorevoli (CNN, BCC, ecc..);
  • Presenza/assenza di link da siti bannati da Google;
  • Link reciproci da siti a tema;
  • Link da siti Social Media;
  • Tendenze Backlink (tipo picchi improvvisi o cadute del numero di backlink);
  • Citazioni da Wikipedia e Dmoz;
  • Backlink storici (mai scoperto per acquisto/vendita di link);
  • Backlink da siti di Social Bookmarking;
  • DISTINZIONE BACKLINK – 6 Parametri:

  • Autorità del TLD (.com versus .gov);
  • Autorità del dominio che linka;
  • Autorità delle pagine che linkano;
  • Posizione di un link (footer, menù, corpo del testo);
  • Anchor Text di un link ( tag “ALT” delle immagini);
  • Attributo “title” di un link;
    PROFILO DEI VISITATORI E LORO COMPORTAMENTO – 6 Parametri:

  • Numero di visite;
  • demografia visitatori;
  • frequenza di rimbalzo;
  • abitudini dei navigatori (qualisiti tendono a visitare);
  • Tendenze delle visite (picchi o cali);
  • posizione nelle SERP (rilevante per altri motori);
    PENALIZZAZIONI FILTRI E MANIPOLAZIONI – 12 Parametri:

  • parola di utilizzo / keyword stuffing;
  • Link acquistati;
  • Link in vendita;
  • Spamming record (commenti, forum, spam);
  • Cloacking;
  • Testo nascosto;
  • Contenuto duplicato (copia contenuti di altri);
  • Storico delle penalizzazioni legate al dominio;
  • Storico delle sanzioni per il proprietario;
  • Storico delle sanzion ad altri siti del proprietario;
  • Registrazione attacchi da parte di hacker;
  • Redirect 301 verso pagine inesistenti;
    ALTRI FATTORI – 6 Parametri:

  • Registrazione del dominio con Google Webmaster Tools;
  • Presenza su Google News;
  • Presenza sul “Google Ricerca Blog”;
  • L’uso del dominio in Google AdWords;
  • L’uso del dominio in Google Analytics;
  • Ragione sociale e marchi esterni citati.
No Comments

Post A Comment

*