test
novembre: 2010
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Ancora sul Redirect 301

04 Nov Ancora sul Redirect 301

redirect-301In questi giorni farò un esperimento sperando che vada tutto a buon fine. Mi sto informando sul web, quella di seguito è una parte di un post molto chiaro proprio sulla migrazione web di un sito attraverso redirect 301 che ottimizza il posizionamento di un sito web e, soprattutto, dovrebbe mantenere ranking, inbound link agevolando quindi la sua lettura da parte degli spider. Buona lettura. Me lo rileggo anch’io và… 

😉

Avete appena ricreato alcune pagine del vostro sito. Le vecchie hanno un buon posizionamento sui motori di ricerca e non volete perderlo. Come potete fare per inoltrare il traffico delle vecchie pagine alle nuove senza perdere il vostro posizionamento ? Potete farlo con il Redirect 301.

Che cosa è un redirect 301 ?

Il redirect 301 è il miglior metodo che abbiamo per mantenere il ranking sui motori quando reindirizziamo una pagina del nostro sito.

Il codice “301″ viene infatti interpretato come “moved permanently”. Dopo il codice infatti va poi specificata la vecchia pagina seguita da uno spazio e poi la nuovo pagina.

Per implementarlo basta aggiungere questo codice all’interno del file .htaccess (oppure direttamente nel virtualhost)

Cosa è il file .htaccess ?

Quando un visitatore/spider richiede una pagina web, il web server controlla la presenza del file .htaccess.

Il file .htaccess contiene istruzioni specifiche per alcuni tipi di richieste, incluse sicurezza, redirect e gestione errori.

Come implementare un redirect 301

  1. Per creare un file .htaccess aprite un qualsiasi editor di testo, create un nuovo file e salvatelo come .htaccess (senza estensioni). Nel caso di windows potreste avere problemi a salvare il file iniziando con il punto (.) quindi in questo caso chiamatelo htaccess.txt e poi una volta inviato via FTP sul server rinominatelo.
  2. Se avete già un file .htaccess sul vostro server, scaricatelo ed editatelo.
  3. Inserite il seguente codice nel vostro file .htaccess:redirect 301 /vecchia/vecchia.html http://www.tuodominio.com/nuovapagina.html
  4. Se il vostro file .htaccess contiene già delle righe di codice saltate una linea e scrivete l’istruzione lì senza cancellare quelle già presenti.
  5. Salvate il file .htaccess
  6. Inviate il file nella cartella root del vostro server.
  7. Testate il tutto scrivendo nel browser la vecchia pagina. Dovreste essere immediatamente inoltrati alla nuova.

Note: E’ importantissimo non aggiungere “http://www” alla prima parte dell’istruzione, ma mettere solamente il percorso a partire dal livello più alto del vostro sito.

Assicuratevi inoltre che ci sia lo spazioe tra questi due elementi:

redirect 301 (l’istruzione che indica che la pagina è spostata per sempre)

/vecchia/vecchia.html (il percorso e nome del file da spostare)

http://www.tuodominio.com/nuovapagina.html (il nuovo percorso e nome del file)

Quando gli spider dei motori di ricerca passeranno in esame il tuo sito seguiranno le regole che hai inserito nel file .htaccess.

In realtà gli spider non leggono il file .htaccess, ma riconoscono la risposta dal server come valida.

Durante il successivo aggiornamento dei motori il vecchio file verrà eliminato e rimpiazzato con il nuovo. A volte può capitare di vedere alternanze tra i file e alcune fluttuazioni che possono durare dalle 6 alle 8 settimane in riferimento alle linee guida di Google.

Leggi il resto dell’articolo su questo interessante blog:
anche se è ormai opinione diffusa che fra i fattori che danno valore ad una pagina web in basi a criteri fissati da Google il PR sia solamente una piccola parte, ed il redirect 301 non sia performante al 100%, ho voluto provare a farlo, per sfizio ed esercizio. E poi..Poi le dita incrociate le tengo spesso 🙂

No Comments

Post A Comment

*