Ultimi articoli
dicembre: 2013
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

CMS a confronto: WordPress (Multisite) vs. Drupal

03 Dic CMS a confronto: WordPress (Multisite) vs. Drupal

Se stai cercando informazioni su come creare un sito multi-piattaforma avrai già individuato alcuni CMS che possono fare al caso tuo. Fra questi quasi sicuramente ci saranno WordPress e Drupal. Almeno questo è quelloc he è capitato a me. Ho quindi cercato di capire quali fossero i pro ed i contro di ciascuna piattaforma, in modo da poter fare la scelta più adatta alle mie esigenze. Quali sono le esigenze? Gli obiettivi sono questi:

  1. Gestire N siti attraverso un unico backhand;
  2. Gestire N layout per ciascuno dei nodi della rete multisite;
  3. Gestire URL e nomi di dominio indipendenti per ciascun portale;

Per soddisfare queste 3 esigenze possono essere adatti entrambi i CMS. WordPress è più adatto ad un utente meno esperto nello sviluppo e nella gestione di un CMS proprio perchè di fatto rappresenta fra i Content Management System quello più vicino ad una piattaforma blog. Drupal invece è pensato e sviluppato proprio per andare incontro agli standard – primo fra tutti la gestione modulare – che fanno di un semplice sito web dinamico un vero e proprio CMS.

wordpress-vs-drupalAlcune differenze:

La differenza sostanziale risiede nel fatto che WPM gestisce tutti i contenuti in un unico database e crea nuove tabelle in base ai nuovi portali che vengono creati al di sotto dell’installazione principale. Drupal invece gestisce il multisito creando un nuovo database per portale: questo ha delle ripercussioni in termini di costi e gestione dei file abbastanza evidenti. WordPress permette di gestire N siti con un unico database il che rappresenta certamente un risparmi in termini economici, che cresce esponenzialmente in proporzione al numero di siti allacciati al sistema multisite.

Per conto Drupal permette una gestione più indipendente dei dati di ciascun portale e, pur richiedendo maggiori risorse in termini di hardware e maggiori costi, garantisce un’indipendenza che permette ad esempio di downgradare l’installazione multisite a singoli siti esportando direttamente i db di ciascun portale del multisite o al contrario di importare singolarmente i contenuti esistenti su ciascun singolo portale.

In generale potremmo dire che non c’è niente che possiamo fare con WordPress che non possiamo fare anche con Drupal. Ma se nel primo caso il 75% delle funzionalità sono implementabili anche da un Webmaster poco specializzato, nel secondo caso la gestione e l’aggiornamento del portale di livello core e di tutti gli eventuali sottoportali deve essere affidata ad un webmaster che vanta esperienza sullo strumento e diciamo non a digiuno rispetto ai principali linguaggi di programmazione.

Questo è confermato dal fatto che su Drupal, ciascun sito della rete viene trattato come un singolo sito sia da un punto di vista architetturale (database) sia da un punto di vista di sviluppo (i temi non sono estendibili su ciascuna piattaforma da quella principale ma vanno implementati singolarmente su ciascun nodo).

Trovi maggiori informazioni a questi link:

 

No Comments

Post A Comment

*