Ultimi articoli
Giugno: 2015
L M M G V S D
« Apr   Lug »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Un crowdfunding per il nuovo disco de Il Rovescio della Medaglia

30 Giu Un crowdfunding per il nuovo disco de Il Rovescio della Medaglia

Ho avuto il piacere di conoscere personalmente Enzo Vita, chitarrista e fondatore de Il Rovescio della Medaglia, band di culto della scena progressive italiana e punto di riferimento per l’intero genere assieme a band del calibro di PFM, Area, Banco del Mutuo Soccorso, Il Balletto di Bronzo e New Trolls. L’ho incontrato durante le sessioni di registrazione dell’ultimo disco dei Pater Nembrot intitolato “Sequoia Seeds”:

siamo entrati in contatto su MySpace (ad oggi il social network più vintage della storia, molto adatto in effetti a raccontare questo incontro!), gli chiesi se mai avesse avuto intenzione di suonare delle parti di chitarra nel nascituro disco di una sconosciuta band rock cesenate che però provava una grande ammirazione e rispetto per quello che lui aveva fatto durante tutta la sua carriera. Pensavo che il messaggio fosse destinato a cadere nel vuoto – ma chi Hadso è questo!?! chissene – , invece Enzo rispose “ci sto!”, così lo accogliemmo a Longiano all’Atomic Studio di Enri Zavalloni per una due giorni di registrazioni che ricorderò per sempre.

Oggi però scrivo per  sostenere la raccolta fondi di Enzo, per la realizzazione del suo nuovo disco, “Tribal Domestic“. Che Enzo fosse uno avanti lo si sapeva già dai tempi de La Bibbia, ma pensarlo dietro ad un pc mentre si iscrive a MusicRaiser – uno dei principali portali di crowdfunding presenti online – a raccogliere finanziamenti per il suo prossimo lavoro in studio non era facile da immaginare..

La cosa che mi ha colpito di questa iniziativa è che i fondi che si possono raccogliere qui – e che nel momento in cui scrivo sono a quota 17%, per cui SUPPORT! – è che non servono per coprire le sue spese di registrazione, bensì per pagare il lavoro di un’orchestra sinfonica che parteciperà – si spera – agli arrangiamenti dell’album, in pieno stile progressive.

Questa è un’iniziativa che mette veramente l’artista nelle mani dei propri fan e che trasforma la musica in qualcosa che esiste perchè c’è un compositore e c’è un pubblico, stop. Non ce ne frega un Hadso (da Merkel) se il locale è pieno, se gira la moda è dalla tua parte, se rockit di fa una recensione positiva (marchettòn) o ti stronca. Qui c’è solo la musica.

Io i miei 15€ ce li ho messi (quelli potevo permettermi). Se amate il progressive e se credete nella passione, contribuite a trasformare il prossimo album de Il Rovescio della Medaglia in qualcosa di collettivo e memorabile, eroico come i dischi dei loro esordi.

Per contribuire alla realizzazione di questo sogno clicca qui

No Comments

Post A Comment

*