test
agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Pensieri

31 Ago La donazione di 500.000 € di Zuckenberg offende la dignità delle persone colpite dal sisma

C'è un terremoto a Little Italy e Rupert Murdok offre 500.000 € alla comunità che lì risiede in spot pubblicitari su Sky. Quale sarebbe la reazione? Voglio dire, in quanti si tratterrebbero dal linciaggio più o meno virtuale, per un'iniziativa che apparirebbe a chiunque pacchiana, fuori luogo e...

Read More

14 Nov #scrivereisogni | Incubo a chiocciola

Sono solo, su di un divano in una grande casa che sembra avere decine di stanze enormi, completamente libere. La maggior parte delle finestre è chiusa, anche quella della camera in cui mi trovo. Qui però il motivo lo conosco: sto guardando un film, riconosco un PC portatile, se c'è una cosa che odio è il riflesso della luce sullo schermo. Il film è abbastanza lugubre, sembra un film horror ma non è ancora entrato nel vivo. Nel film c'è un'atmosfera inquietante e sinistra, sullo schermo le scene che ritraggono una grande casa, piena di stanze enormi, completamente libere. Mentre le riprese si soffermano su di una stanza con un parquet di legno color rovere ingiallito mi rendo conto che quella è la stanza immediatamente confinante con quella in cui mi trovo. La telecamera in soggettiva si muove verso la porta, è molto buio. Sento un rumore.
Read More

06 Nov #scrivereisogni | Un cane scaccia cani. Zombi

Lunedì 4 Novembre 2013. Ore 07.50

Un  pomeriggio soleggiato e mite. Esco di casa, ho dei pantaloni corti, calzini bianchi di spugna, scarpe da ginnastica e una maglietta. I pantaloni sono color verde militare. Ho anche una felpa con il cappuccio grigia. La porto nelle mani e la stendo sul prato che c'è immediatamente sopra al muricciolo dove mi sono appena seduto. Le gambe ciondolano in basso e sbattono come quando da bambini si era in attesa di qualcosa. Ma senza ansia. Poi mi stendo, sistemo la felpa a cui faccio aderire la mia schiena. Le gambe rimangono lì e ondeggiano mentre porto le braccia e le mani dietro la testa, in posizione di totale pace e contemplazione.

Mi godo la luce del sole ma inizio a sentire dei piccoli fruscii fra i fili d'erba che si fanno sempre più assordanti. Ronzii di insetti pesanti, cicale che urlano. Qualcosa sembra strisciare sotto la maglia ed è lì che mi alzo. Mi giro con un po' di agitazione e vedo che il prato è popolato di insetti. Normali per un prato caraibico probabilmente. Insetti enormi rispetto alle dimensioni della vita da svegli.

Read More

22 Lug Mi vida es tu vida.

Sento fuori dalla finestra l'eco di una musica lontana. Meno di un paio di chilometri in linea d'aria. Qualcosa che mi ricorda gli spot delle summe r card di Vodafone di qualche anno fa. Quegli spot terribili dove Christian De Sica dimostrava al mondo che...

Read More

10 Gen Banshee

Open the newspaper / the first thing I do every morning is backward- / -looking and so cool "Stabilization / devours its young"!? please don't make compari- / -son between robbery / and banshees Never known exactly /what I am here for all I want to sing now / is that...

Read More

02 Gen Impetus B | Bologna, David Crosby e il primo giorno della fine del mondo

Come crescono in fretta le unghie in vacanza. Quelle dei piedi con una curva ancora più ripida, sarà colpa dei calzetti. Non che la cosa sia giunta a dei livelli in cui il fastidio è insopportabile, ma se cammini un po' lo senti. Il primo gennaio sono stato a San Luca. 666 archi, il porticato più lungo del mondo. Questo signore deve aver avuto a che fare nella sua esistenza con dei serpenti e mentre attraversavamo il portico realizzato per lui e la sua madonna la cosa è venuta fuori. Come se Bologna la dotta, la rossa, la grassa fosse una specie di sasso incastrato ed avvolto da serpi e rettili dalla colonna vertebrale fatta di archi e dalle squame di mattone rosso, aggrovigliate fra loro in labirinto che al centro da spazio alle due torri. Sì un'immagine abbastanza epica, ma con l'anno nuovo bisogna partire carichi. Mi è piaciuto pensare al portico di San Luca come una specie di "anomalia del sistema", come un elemento di rottura rispetto all'equilibrio del paesaggio urbano, del reticolo di strade e passeggiate coperte all'interno della città.

Read More

07 Dic Impetus A | L’Aperitivo cattivo e le 4 chiacchiere con il dentista

Qui inizia una serie di racconti che si svolgono in un lasso di tempo zero, come a dire che il tempo che scorre dentro la mente di chi si trova al centro di una storia può essere molto diverso da quello che risulta fuori, da quello che la storia stessa vorrebbe. Una sorta di fotografia sul flusso di coscienza, un'istantanea sulle impressioni provocate da un input arrivato dal mondo reale, o per meglio dire dal  mondo sensoriale...si insomma, quello dove ci sono anche gli altri.

Read More