Ultimi articoli
gennaio: 2011
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Centro Storico Rinnovabile

19 Gen Centro Storico Rinnovabile

campo fotovoltaico LongianoLONGIANO – Sarà allacciato alla rete con ogni probabilità entro la fine del mese il nuovo campo fotovoltaico realizzato a Longiano al centro della Valle dei Ciliegi. Il campo sorge ai piedi del borgo Malatestiano ed composto da due impianti di potenza differente, 250 Kw quello denominato “Valle dei Ciliegi” di proprietà di Comandini Davide, 750 Kw quello della Società Green S.r.l. Il campo fotovoltaico è stato realizzato dalla Saeg di Gambettola ed erogherà una quantità di energia sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico dell’intero centro storico del Comune di Longiano. E’ di 1 MegaWatt infatti la potenza complessiva dell’impianto che a regime sarà in grado di erogare un quantitativo di energia pulita pari a 1.200.000 Kwh all’anno, sufficiente per alimentare il consumo energetico di circa 400 unità abitative. “La vicinanza della centralina Enel alla zona dell’impianto – commenta Fabio Fabbri della Saeg e socio della Green S.r.l. – ci permetterà inoltre di produrre energia e di riversarla direttamente all’interno della rete elettrica locale. Produrremo e consumeremo quella che in gergo viene chiamata energia a chilometro zero”. Con ogni probabilità, la forma di energia più ecologica attualmente ricavabile. L’impianto, realizzato anche grazie al contributo della Cassa di Credito Cooperativo di Gatteo, è costato circa 3,2 milioni di euro ed è stato realizzato in tempi da record: il primo pannello è stato installato il 3 novembre scorso, la fine dei lavori annunciata qualche giorno prima di Natale, il 18 di dicembre. Il campo fotovoltaico coprirà complessivamente una superficie di 30.000 metri quadri e rimarrà installato per almeno vent’anni. Questo il tempo necessario per incassare gli incentivi ed i finanziamenti statali per il fotovoltaico che per l’impianto in questione ammontano a circa 415.000 euro.

Filippo Leonardi

No Comments

Post A Comment

*